Notizie da non perdere
  • Home
  • Elettronica
  • Computer
  • A partire dal 2020, le aziende dovranno pagare Microsoft per gli aggiornamenti di sicurezza di Windows 7

A partire dal 2020, le aziende dovranno pagare Microsoft per gli aggiornamenti di sicurezza di Windows 7

Scritto da in data Settembre 10, 2018 0 176 Views

Microsoft non vuole che le persone si aggrappino a Windows 7 come hanno fatto con Windows XP, e ha provato numerose tattiche per convincere la gente ad eseguire l’aggiornamento a Windows 10. Ha persino reso Windows 10 disponibile come aggiornamento gratuito per il primo anno. L’offerta gratuita è scaduta da tempo e, per le aziende che decidono di restare con Windows 7 una volta che il supporto termina nel 2020, Microsoft addebiterà una commissione per continuare a ricevere gli aggiornamenti di sicurezza.

“Come precedentemente annunciato, il supporto esteso di Windows 7 termina il 14 gennaio 2020. Mentre molti di voi sono già sulla buona strada nella distribuzione di Windows 10, comprendiamo che tutti si trovano in un altro punto del processo di aggiornamento. oggi annunciamo che offriremo aggiornamenti a sicurezza estesa (ESU) di Windows 7 fino al gennaio 2023 “, ha dichiarato Microsoft in un post sul blog.

Il pacchetto di supporto esteso sarà venduto per dispositivo. Microsoft non ha detto quanto costerà, ma ha detto che il prezzo aumenterà ogni anno.

Per essere chiari, questo non è mirato ai consumatori domestici. È un’opzione che sarà disponibile per i clienti di Windows 7 Professional e Windows 7 Enterprise nel programma di contratti Volume Licensing, in pratica. Ci sarà anche una sorta di sconto per i clienti con la garanzia del software Windows, Windows 10 Enterprise o Windows 10 Education.

Per tutti gli altri, il supporto termina semplicemente all’inizio del prossimo anno.

“Il supporto per Windows 7 terminerà il 14 gennaio 2020. Microsoft non fornirà più aggiornamenti di sicurezza o supporto tecnico per i dispositivi con sistemi operativi Windows 7. Ecco perché è ora di passare a Windows 10 oggi”, afferma Microsoft.

Questo non è troppo sorprendente, dato che una situazione simile si è verificata con Windows XP. Ciò che è interessante, tuttavia, è il numero di sistemi che potrebbero essere influenzati da questo. Secondo Net Marketshare, circa il 40% dei desktop esegue Windows 7, rispetto a solo il timido 38% di Windows 10.

Qualunque sia il numero reale, sembra che ci siano ancora molti PC Windows 7 là fuori. Sarà interessante vedere se la scadenza del supporto finirà per rafforzare la quota di mercato di Windows 10.

 

Fonte: PC Gamer

Autore articolo

Fr3nkMara
Fr3nkMara
Amante della fotografia, film, videogiochi e fumetti da quando c'erano ancora videocassette e floppy disk. Amo far passare le cose che mi piacciono e mi fanno stare bene attraverso la scrittura. Do molte cose per scontate, ma non si smette mai di imparare, no?!

Commenta