Notizie da non perdere
  • Home
  • Ultime uscite
  • Assassin’s Creed Origins: la recensione del DLC di The Curse of the Fharaohs – Un’esperienza straordinaria

Assassin’s Creed Origins: la recensione del DLC di The Curse of the Fharaohs – Un’esperienza straordinaria

Scritto da in data Marzo 28, 2018 0 383 Views

Il secondo pezzo di DLC di Assassin’s Creed Origins è un’aggiunta ricca e memorabile alla storia di Bayek.

 

Se Assassin’s Creed Origins era il modo perfetto per rinvigorire un franchise che stava iniziando a stagnare e continuamente deludere, allora The Curse of the Pharaohs, il suo secondo pezzo di DLC, è il modo perfetto per dire addio a Bayek, il suo uomo principale. Molto raramente gli sviluppatori di videogiochi scelgono di mettere tutti i loro sforzi e il loro amore in un DLC, tanto che si potrebbe persino giustificare il fatto che venga rilasciato come titolo separato. CD Projekt RED ha fatto un paio di anni fa con il DLC Blood and Wine di The Witcher 3, e Ubisoft lo ha fatto ora con The Curse of the Pharaohs.

A differenza di The Hidden Ones, che sembrava più un’estensione delle meccaniche e delle idee che sono state trovate in Origins stessa, questo nuovo DLC sembra un capitolo completamente nuovo con un tono e un’atmosfera completamente diversi. Certo, mantiene il core loop di gameplay di Origins e ha gli stessi punti di forza del gioco base, ma si sente nettamente diverso da qualsiasi altra cosa che abbiamo vissuto nell’antico Egitto. The Curse of the Fharaohs vede Bayek andare contro quattro antichi faraoni che si sono alzati dalle loro tombe e stanno scatenando il caos ovunque, e per picchiarli, l’assassino deve viaggiare in diverse pianure dell’aldilà.

 

 

La narrazione è moderatamente interessante. La ricca storia dell’antico Egitto e le mitologie egiziane rendono l’ambientazione e gli eventi del gioco intrinsecamente interessanti, mentre l’unica svolta soprannaturale sulle cose aiuta anche. Tuttavia, proprio come Origins, la narrazione spesso si sente incerta e dispersa. Anche la scrittura è incoerente – molte volte sembra azzeccata, ma ci sono anche alcuni momenti in cui crolla. Bayek, ovviamente, rimane un personaggio interessante come mai, ma non c’è molto altro da dire sulla storia del DLC.

Ma non è lì che brilla comunque il più brillante. Il più grande punto di forza delle origini era quello della sua ambientazione: l’antico Egitto fu reso e ricreato magnificamente. Ogni centimetro, ogni angolo del mondo era pieno di dettagli incredibili, e il design del mondo immacolato ha incoraggiato l’esplorazione come nessun altro gioco di Assassin’s Creed ha mai avuto. Una tale lode può essere fatta anche per The Curse of the Pharaohs, con cui Ubisoft è andato per elementi narrativi molto più soprannaturali che coinvolgono l’antica mitologia egiziana, piuttosto che essere legato a qualche parvenza di accuratezza storica.

Questo rinfrescante cambio di direzione aiuta il DLC in diversi modi. Alcuni dei luoghi più soprannaturali che visiti sono assolutamente splendidi da vedere, e esplorarli diventa una gioia istantanea, semplicemente per scoprire quali prospettive si trovano davanti se non altro (anche se non fare errori, non mancano le attività collaterali da concedersi). Da Aaru – un paradiso pieno di canne luminose e verdi ovunque – alla Duat – un purgatorio triste e ostile – ogni posto che visiti ha un aspetto visivo istantaneamente sorprendente e memorabile che gli conferisce un’incredibile personalità ed è riempito con la stessa quantità di immacolato e dettagli precisi che definiscono l’antico Egitto anche nelle Origini.

 

 

Tutte le aree dell’aldilà differiscono molto l’una dall’altra e qualsiasi altra cosa viene prima. Ognuna di queste mappe è di dimensioni rispettabili, ed è piena di bizzarri panorami di altri mondi da vedere, animali e mostri dall’aspetto strano da combattere, e una varietà di missioni e attività da intraprendere. Anche al di fuori di queste aree dell’aldilà, il design delle mappe in The Curse of the Pharaohs è impressionante. Thebes è praticamente in linea con un bel po ‘di location che abbiamo già visitato in Assassin’s Creed Origins, ma è comunque un posto magnifico. Diverse strutture sono enormi e sembrano impressionanti, e le aree circostanti, come la Valley of Kings, presentano anche interessanti opportunità da esplorare. Anche le quest secondarie in questo DLC rimangono un punto forte, come lo erano anche nel gioco base.

Un’altra area in cui The Curse of the Pharaohs si differenzia leggermente dalle origini è la difficoltà. Rispetto al gioco base, la difficoltà è aumentata notevolmente. Ovviamente non è un enorme picco di difficoltà, anzi, in realtà funziona a favore del gioco. Il boss combatte contro i quattro faraoni è eccellente e ti manterrà in punta di piedi, mentre gli ambienti dell’aldilà sono spesso striscianti con pericolosi nemici. E non hai più intenzione di imbatterti in band di banditi – dovrai combattere anche contro gli scorpioni giganti – per i principianti – e le schermaglie contro questi nuovi e più fantastici nemici sono sempre eccellenti.

Questa volta ti troverai anche sul Pharaoh’s Shadows, che è un’interessante versione di Phylakes from Origins (o di The Shadows of the Scarab in The Hidden Ones). Le ombre del faraone che possono apparire casualmente dal nulla in qualsiasi parte di Tebe. Quando appaiono, iniziano ad attaccare e uccidere civili e astanti, e tocca a Bayek ucciderli o inseguirli, nessuna delle due è una cosa particolarmente facile da fare. A volte può essere un po ‘frustrante inseguire un’ombra su una vasta parte della mappa, solo per farla sparire di nuovo su di te, ma generalmente questo nuovo tipo di nemico funziona come una grande aggiunta.

 

 

Purtroppo, The Curse of the Pharaohs soffre di una serie di bug. Da Bayek, che spesso si blocca nella geometria dell’ambiente alla fisica del cavallo involontariamente esilarante in alcune occasioni, ci sono un sacco di problemi che attirano l’attenzione, e alcuni di loro sono abbastanza importanti da non poter essere semplicemente ignorati. Speriamo che Ubisoft risolva presto questi problemi con le patch. Detto questo, diventa più facile accettare queste concessioni nel commercio per ciò che è un’espansione che è piena di contenuti. È diverso e vibrante e amplia l’impostazione dell’antico Egitto di Origins in modi unici, e ha un contenuto da dieci a venti ore. The Curse of the Pharaohs è, senza dubbio, una delle migliori cose uscite da Ubisoft negli ultimi due anni.

Questo gioco è stato recensito su PlayStation 4.

Autore articolo

Fr3nkMara
Fr3nkMara
Amante della fotografia, film, videogiochi e fumetti da quando c'erano ancora videocassette e floppy disk. Amo far passare le cose che mi piacciono e mi fanno stare bene attraverso la scrittura. Do molte cose per scontate, ma non si smette mai di imparare, no?!

Lascia un commento su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.