Notizie da non perdere
  • Home
  • Ultime uscite
  • Mothergunship – Recensione – Un concetto promettente rovinato da un’esecuzione frustante

Mothergunship – Recensione – Un concetto promettente rovinato da un’esecuzione frustante

Scritto da in data Luglio 19, 2018 0 735 Views

Sulla carta, il nuovo titolo sparatutto Mothergunship di Grip Digital e Terrible Posture Games è sembrato il tipo di gioco che mi piacerebbe giocare: uno sparatutto in prima persona infernale che permette ai giocatori di creare e modificare personalizzando delle armi. Per alcuni aspetti, mi è piaciuto il tempo giocando all’ultimo titolo di Grip Digital poiché, nelle giuste condizioni, può creare un pazzo divertimento caotico.

Mothergunship approda simultaneamente su PS4, Xbox One e Steam. Noi abbiamo avuto modo di provarlo proprio su quest’ultima piattaforma nella sua versione finale. In attesa dell’update di agosto che aggiungerà la cooperativa online, vediamo cos’ha da offrirci il prodotto al lancio nella nostra recensione.

 

I magri elementi della storia di Mothergunship riescono a fare un po ‘di costruzione del mondo che il giocatore sente guardando le aspettative. Un’armata di invasori alieni robotici ha conquistato la Terra, e l’avatar senza nome e senza giocatore materiale nello schermo, ha il compito, grazie alle abilità del player che ci mette i movimenti, di imbarcarsi sulle varie navi dell’armata, usare qualunque parte riesca a trovare per costruire una serie di armi diverse, e poi brandire quelle armi contro qualsiasi nemico robotico a modo suo.

Tra una missione e l’altra, il giocatore può potenziare il proprio personaggio e testare nuove armi sulla propria imbarcazione mentre viene coinvolto anche da scherzi comici dal resto dell’equipaggio della nave.

Quando arriva il momento di selezionare una nuova missione, il giocatore ha spesso diverse opzioni a sua disposizione, inclusa una “missione principale” e missioni secondarie opzionali che possono garantire risorse extra o parti di armi. Le missioni hanno anche una valutazione di difficoltà associata, rappresentata da un teschio e un numero corrispondente.

Ma non esiste un numero specifico per il giocatore per confrontare i livelli di difficoltà, quindi tutto ciò che puoi veramente valutare dai diversi livelli di difficoltà è quanto siano difficili in relazione l’uno con l’altro. Alcune missioni limitano anche il giocatore a usare un specifico carico di armi, e questo si lega a quello che è forse l’ avvertimento più frustrante di Mothergunship : i limiti del suo sistema di crafting.

Per la trama si può dire che non è niente di davvero originale e né approfondito a dovere. Classica invasione aliena sulla Terra e missione di salvataggio affidata all’eroe di turno, incaricato di distruggere la nave madre a capo della flotta che minaccia di conquistare il pianeta. Non molto altro da dire su questo, onestamente.

 

Mothergunship fa il minimo indispensabile per spiegare come funzionano i suoi vari sistemi di gioco, e ciò è particolarmente vero, per quello che infondo è destinato, non serve un vero “tutorial” per il suo fiore all’occhiello: il crafting di armi. Idealmente, il sistema consente ai giocatori di combinare varie parti del connettore, barili di fucile e cappucci che potenziano la pistola per creare armi da fuoco veramente selvagge.

Immagina di avere una pistola su un braccio che spara le lame delle seghe, i razzi che puntano verso l’alto e le palle di ferro a punta che mirano il tuo avversario, mentre l’altro braccio spara con un fucile a pompa, laser e un lanciafiamme. Finché hai le parti necessarie, il componente di crafting del gioco ti consente alcune creazioni davvero fantastiche… sebbene realizzare il vero potenziale del tuo arsenale sia spesso più facile a dirsi che a farsi.

Le cose si fanno più intriganti quando passiamo al lato meccanico della produzione. Strutturalmente funziona come un FPS roguelite canonico, vale a dire con dungeon suddivisi in stanze piene di nemici e loot da superare per raggiungere l’obiettivo e tornare nell’HUB. Qui è possibile spendere i punti guadagnati e potenziare l’armatura indossata aumentando il numero di salti (si parte da 3), salute massima e velocità di movimento. E le armi? Beh, quelle dovrete crearvele da soli. Già, in Mothergunship non esistono armi ma solo pezzi da mettere insieme attraverso un comodo sistema di crafting. Una volta ottenuti socket, canne da fuoco e potenziamenti bisognerà montarli a piacimento per ottenere il proprio dispensatore di morte, sia fuori sia all’interno dei dungeon.

In sostanza, limitazioni fisiche a parte, potrete costruire armi di qualsiasi forma e dimensione, dai semplici fucili a pompa a cornici di laser, mitragliatrici rotanti e lanciafiamme insieme. La somma dei consumi di ciascuna canna verrà detratta dalle apposite barre d’energia, una per braccio, che si ricaricano dopo alcuni secondi di cooldown. Il numero di bocche da fuoco disponibili per tipo è notevole, così come le possibilità di manovra per l’utente. Peccato per il feedback audiovisivo debole in fase di shooting, vittima di una scelta fatta tra qualità e quantità decisamente ad appannaggio di quest’ultima.

 

Per cominciare, le tue pistole personalizzate non si trasferiscono tra le missioni, costringendoti a continuare a montare e rimontare nuove armi ogni volta che inizi una nuova missione. Ho capito che questo è destinato a  essere giocato nella mentalità infernale di Mothergunship, ma uccide anche gran parte del flusso e della sinergia che il gioco avrebbe altrimenti.

Questa mancanza di progressione di crafting consistente è anche aggravata dal fatto che puoi prendere solo una quantità limitata di parti di crafting in ogni nuova missione, e che il numero iniziale è spesso così basso (pensa 1-4 parti al massimo) che sei costretto a fare affidamento sulle officine randomizzate in ogni missione per trovare nuove parti.

Altri elementi frustranti che alla fine fanno di più per rovinare il divertimento di un giocatore piuttosto che migliorarlo includono transizioni rigorose della stanza che non permettono ai giocatori di rivisitare le stanze che hanno già attraversato. Inoltre la maggior parte delle stanze, si somiglia e non bastano le biforcazioni multiple costituite da mini-sfide, bonus nascosti e negozi dove acquistare nuove parti per assemblare armi. La formula ci mette poco a diventare ripetitiva.

Poi c’è il fatto che la salute del giocatore perduto non si auto-rigenera, costringendo il giocatore ad acquistare oggetti per ripristinare la salute dai negozi, e Dio ti aiuta se sei abbastanza sfortunato da attraversare diverse stanze piene di nemici senza negozi , poichè può accadere. I nemici sconfitti possono anche lasciare tecnicamente i pickup di salute, ma i pick-up danno così poca salute e richiedono di esporsi ad un ulteriore fuoco nemico per ottenerli, e spesso non vale nemmeno la pena.

Sono disposto ad ammettere che quello che ho trovato così frustrante riguardo il gameplay e la presentazione di Mothergunship potrebbe facilmente essere riproposto come punti di forza per un diverso tipo di giocatore, uno che gode dell’idea di uno sparatutto infernale generato a livello procedurale con pene severe per il fallimento.

Tuttavia, per i giocatori più occasionali che non amano spendere più di 20 minuti in una singola missione solo per avere tutto quel tempo sprecato a causa di un po’ di sfortuna nell’ultima stanza, Mothergunship potrebbe non essere il gioco per loro.

Pensate che a un certo punto, in preda alla noia, abbiamo provato a superare i dungeon di corsa e senza uccidere alcun robot. Salvo rare eccezioni è effettivamente possibile correre alle stanze successive e completare la missione in meno della metà del tempo. Secondo noi ciò non dovrebbe essere permesso in quanto uccide l’obiettivo del gioco. Gli sviluppatori dovrebbero impostare quantomeno un numero minimo di kill da effettuare prima di poter uscire dalla stanza, altrimenti si viene automaticamente invogliati a ignorare i nemici e sprintare indenni verso la meta.

 

Chiudiamo parlando di comparto tecnico, dove il gioco mostra punti forti e debolezze. La resa di modelli, illuminazione, texture e post processing è senz’altro ottima, allo stesso modo della sezione sonora dove soundtrack ed effetti convincono quasi in toto. Si sente però la mancanza di una vera fisica e dell’interazione con gli scenari che risultano spogli, neutri e privi di ispirazione (così come i nemici, del resto). Bene, in ogni caso, l’ottimizzazione, alla luce della scalabilità del motore e di un framerate inchiodato al refresh rate del monitor. Almeno su PC non c’è ombra di qualsivoglia magagna tecnica.

 


 

Così com’è ora, Mothergunship ha molti elementi simpatici che a volte si uniscono in un tutto eccellente, ma altrettanto spesso si scontrano goffamente l’uno contro l’altro. Non c’è nulla di fondamentalmente rotto nel concetto o nelle singole parti, ma il tutto potrebbe essere gestito meglio. Con un po ‘di fortuna e un vento successivo a favore, posso vedere questo titolo facendo clic insieme ad alcuni aggiornamenti futuri, ma non è ancora il momento a quanto pare.

Grip Digital ha promesso che il gioco diventerà una modalità cooperativa per due giocatori ad agosto, e potrebbe essere onestamente un po’ più sopportabile con un amico, ma nel suo stato attuale, non c’è molto da amare su Mothergunship a meno che tu non sia “il tipo masochista che si diverte a lavorare sodo pur non avendo molta ricompensa”.

 

Come ho detto sopra, sono assolutamente d’accordo nell’ammettere che Mothergunship potrebbe non essere stata creata pensando ai miei specifici gusti di gioco. Ma quando un gioco si sforza tanto di dirmi come giocare e, peggio, mi punisce così duramente quando fallisco, non riesco proprio a immaginare che qualsiasi tipo di giocatore possa trovare piacere a lungo termine da ciò che offre.

 

Mothergunship è disponibile su Windows per  24,99 €, tramite Steam e Humble. Puoi provare il suo sistema di produzione di armi per te stesso in questa demo.

Voto

Autore articolo

Fr3nkMara
Fr3nkMara
Amante della fotografia, film, videogiochi e fumetti da quando c'erano ancora videocassette e floppy disk. Amo far passare le cose che mi piacciono e mi fanno stare bene attraverso la scrittura. Do molte cose per scontate, ma non si smette mai di imparare, no?!

Lascia un commento su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.