Notizie da non perdere

Raft: la nostra recensione del gioco di sopravvivenza oceanica

Scritto da in data Maggio 25, 2018 0 1968 Views

Originariamente rilasciato come prototipo gratuito su Itch nel 2016, il gioco di sopravvivenza oceanica Raft è stato rilasciato su Steam in Early Access il 23 maggio.

Raft è uno dei titoli più esplicativi da Minecraft: è un gioco di sopravvivenza su una zattera alla deriva, in un mare infinito. Una volta scelto il personaggio che si vuole incorporare, suggerito da due nomi alternativamente maschio e femmina, ovvero Maya e Rouhi, si incomincia l’avventura di sopravvivenza in questa zattera che galleggia in mezzo a un oceano vivo. Inizialmente la zattera si presenta molto ristretta, sarai tu a ingrandirla con le assi di legno che troverai galleggiare intorno a te. Durante l’avventura però non saranno solo le assi di legno a circondarti, ma anche materiali vari (o forse alcuni di loro più correttamente chiamati “immondizie”) come, plastica, rottami, pietre, foglie di palma e anche del cibo come patate, barbabietole… tutto incentrato sul crafting, un po come Minecraft. Questo stile di crafting appunto, sembra presentato in chiave moderna, del resto oggi giorno la plastica fa parte del quotidiano, lei qui ti servirà per fare molte cose.

Un oggetto che ti impone il gioco di usare in qualsiasi stile tu decida di intraprende il gioco, è il fidato gancio, che ti servirà per raccogliere questi detriti galleggianti; usando le risorse da te raccolte dovrai stare attento, e difenderti anche dal predatore come lo squalo, lui è sempre pronto a sgranocchiare le tue tavole oppure te. Dai gabbiani che cercheranno si mangiare le tue patate coltivate, zattere abbandonate da raggiungere, dove giacciono piccole cassette piene di materiali, a pescare i pesci con la tua canna da pesca, non ti stancherai nei tuoi primi passi. Puoi creare piattaforme di legno per aumentare le dimensioni del tuo rifugio galleggiante, depuratori d’acqua per convertire l’acqua del mare in acqua potabile e un fornello per cucinare pesce o patate.

Le isole poi, una  caratteristica nuova in questa versione rispetto alla prima, questo lo rende un fattore molto intuitivo che nel contesto a mio avviso si abbina parecchio con tutto il gameplay. Queste isole sparse, possono essere visitate per raccogliere fiori, ma stai attento, agli inizi della tua avventura la tua zattera non dispone di un ancoraggio al fondo del “letto blu d’acqua”, quindi fai in fretta ad acchiappare tutto quello che puoi per poi ritornare su sulla tua casetta galleggiante.

Caratteristiche:

● Multiplayer! Sopravvivi da solo o con gli amici in modalità cooperativa online!
● Usa il tuo gancio per catturare i detriti galleggianti.
● Craft! Costruisci attrezzature di sopravvivenza, armi, orti e altro per aiutarti a sopravvivere!
● Build! Espandi la tua zattera da un semplice relitto a una casa galleggiante.
● Ricerca! Impara nuove cose da creare nel tavolo di ricerca.
● Naviga! Naviga con la zattera verso nuovi posti!
● Immersione! Rilascia l’ancora ed esplora le profondità per più risorse.
● Combatti! Difendi la tua zattera dai pericoli dell’oceano.

 

Con le assi, e alla possibilità attraverso il menu di scegliere che tipo, forma, realizzare, è possibile costruire una modesta imbarcazione, dal letto al tavolo avrai l’imbarazzo della scelta per stare al comodo in mezzo all’oceano.

La grafica ha il suo dire, un ottimo lavoro per la casa Redbeet, lo stile si presenta in maniera cartoonesca, ma ciò non distoglie il pensiero, sarai comodamente ammaliato dai tramonti che ti circonderanno a scoccare dell’ora, ma non credo che questo accada sempre quando capiterà qualche imprevisto sulla tua modesta zattera.

Puoi scegliere di cominciare l’avventura di sopravvivenza da solo, ma puoi anche giocare a Raft con gli amici online, il che è particolarmente eccitante perché significa che sarai in grado spingere i tuoi amici in mare con te. Ed ecco la parte migliore: il mare è pieno di squali mangiatori di uomini. È anche pieno di tesori che puoi saccheggiare facendo cadere l’ancora e tuffandoti.

La scelta è tua, la dinamica di gioco se vista e affrontata da single player, può rivelarsi monotona a lungo andare, rischiando di compromettere tutto. Raccogliere sempre le stesse cose che ti presenta l’oceano, anche se c’è quel picco di adrenalina e attenzione nel non morire di fame e di sete, stando sempre in dovere di bere e mangiare quando c’è ne bisogno, e al fatto di avere un predatore come lo squalo che segue te e la tua zattera. Per gli amanti del genere, questo è quello che si può definire un “passa tempo”. L’unico obbiettivo è sopravvivere, e guai se rimani tra i denti dello squalo, ti ritroverai con il tuo inventario vuoto, a meno che non sarai arrivato prima a un cospicuo livello di progressi.

Ottimo gioco di sopravvivenza, l’originalità fa da padrone, meglio se giocato in compagnia. Unica nota dolente e che secondo me non è da sottovalutare; l’unico motivo che spingerà i giocatori a continuare a navigare e a supportare Raft, saranno gli aggiornamenti continui.

Raft è disponibile su Steam in Early Access. Inoltre Redbeet dice che il prezzo potrebbe cambiare man mano che vengono aggiunti altri contenuti.

 

Se la nostra recensione è stata di tuo gradimento, ti invitiamo a continuare a supportarci per ricevere altri contenuti. Buona continuazione.

Voto

Autore articolo

Fr3nkMara
Fr3nkMara
Amante della fotografia, film, videogiochi e fumetti da quando c'erano ancora videocassette e floppy disk. Amo far passare le cose che mi piacciono e mi fanno stare bene attraverso la scrittura. Do molte cose per scontate, ma non si smette mai di imparare, no?!

Commenta