Notizie da non perdere

Surviving Mars – Recensione

Scritto da in data Marzo 18, 2018 0 340 Views

Gli umani non iniziano a venire su Marte fino a quando non possono sopravvivere lì, quindi tutte le infrastrutture devono essere stabilite per prime. Nel momento in cui ho messo piede sul pianeta, ho avuto un’elaborata rete di supporto vitale che pompava ossigeno ed elettricità per tutto, dalle cupole ai droni, oltre a molte idee su cosa affrontare successivamente. L’elenco dei potenziali obiettivi è scoraggiante, ma non costringendoti a preoccuparti prima delle necessità dei coloni, Surviving Mars ha un gioco iniziale indulgente.

A seconda dei bonus che ricevi dallo sponsor della missione che hai scelto, avrai anche un aiuto extra. Lo sponsor più facile da scegliere per la tua prima partita è l’International Mars Mission, che ti garantisce un budget considerevole. Il denaro non significa nulla su Marte, ma è usato per comprare merci che possono essere inviate dalla Terra, aiutandoti finché non diventi autosufficiente.
Nient’altro sposa la sopravvivenza e la costruzione della città in modo così disinvolto.
In definitiva, stai creando le basi della tua catena di produzione. Nonostante la sua tendenza alla sopravvivenza, Surviving Mars segue ancora lo stesso schema del Tropico di Haemimont, trasformando le risorse in prodotti finiti e costruendone intere industrie, il tutto cercando di mantenere tutti felici o almeno placati.

Anche la polvere può essere pericolosa, e Marte è estremamente polveroso. Tutto ciò che lo sporco ama è rimanere bloccato sui pannelli solari, causando problemi di alimentazione e problemi meccanici. È una minaccia insignificante ma persistente che diventa un incubo di microgestione mentre cerchi di assicurarti che ogni pannello venga curato dai droni e che ogni edificio venga revisionato prima che si guasti inevitabilmente.

Tra polvere, meteore e trombe d’aria, ritagliarsi una vita su Marte diventa una faccenda molto laboriosa. Superare questi disastri e vedere come un esercito di droni aggiustano tutto, è un’esperienza incredibilmente e soddisfacente.

Se hai pianificato il peggio, hai tenuto le scorte accumulate e hai sistemato i droni nel posto giusto, verrai trattato alla visione di un balletto meccanico mentre i raccoglitori diligenti raccolgono le risorse avendo poi, in pochi secondi, tutto sotto controllo, riparando macchine in tutta la colonia.
Anche se hai installato un po ‘di automazione, tuttavia, sembra che il disastro ti stia già alle calcagna. È una battaglia tra gli umani e la natura, e per tutta la tecnologia sofisticata, è la tenace perseveranza che costruisce colonie di successo. È eccitante piuttosto che estenuante, comunque.

Marte è un posto orribile, e vivere lì costa il suo “pedaggio”, così i coloni hanno bisogno del loro benessere mentale. Lavorare durante le ore buie, ammalarsi, vedere morire qualcuno – ci sono così tante minacce invisibili allo stato mentale dei coloni, e alla fine possono culminare in depressione o addirittura suicidio.
Ecco perché le cupole devono essere riempite di infermeria e spazi sociali. Questi luoghi danno ai coloni da qualche parte la possibilità di scaricare e ottenere aiuto, ma devono anche essere gestiti e mantenuti, rendendo necessarie più risorse e coloni. Questa è la tensione nel cuore di Surviving Mars: ti spinge costantemente ad espandersi, sia che si esauriscano le risorse o che i coloni abbiano bisogno di più servizi, ma l’espansione pone ancora più richieste alla tua colonia.
Poiché queste colonie complesse possono raggiungere dimensioni gigantesche, Surviving Mars ha bisogno di un’interfaccia utente solida per dare un senso a questo. Sfortunatamente, quello che ha il gioco non è all’altezza del compito. Ci sono caratteristiche di qualità della vita, come la possibilità di appuntare le cose su una barra delle applicazioni per un accesso rapido, ma i menu sono disordinati e manca molto. Fornisce un’ampia panoramica della colonia, ma è necessario avere più modi per approfondire i dettagli.

Il risultato è un sacco di microgestione extra, che sembra fuori luogo in un gioco in cui si comandano eserciti di aiutanti automatizzati e tecnologia all’avanguardia.
Per quanto faticoso e stressante Surviving Mars può essere, nient’altro sposa la sopravvivenza e la costruzione della città in modo così efficace. È un disastro spaziale difficile ma soddisfacente.  Vorrei essere riuscito a salvare quei 300 coloni.

Lascia un commento su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.